Caso clinico Sicilia al Congresso delle Regioni 2020 – Impianto percutaneo di due valvole eterotopiche self-expandable in vena cava superiore ed inferiore

Transcatheter treatment of severe tricuspid regurgitation by percutaneous bicaval valve implantation: first Italian case

A cura di:

 

[fluid_wrapper width="686" height="386"][/fluid_wrapper]

Riportiamo il caso clinico di una paziente di 59 anni affetta da displasia aritmogena del ventricolo destro e miocardio non compatto con insufficienza tricuspidale funzionale massiva. La paziente si presenta con segni e sintomi di scompenso cardiaco destro, refrattario alla terapia medica. Viene eseguita quindi valutazione in Heart Team e, giudicata ad alto rischio cardiochirurgico, viene posta indicazione ad impianto percutaneo di due valvole eterotopiche self-expandable in vena cava superiore ed inferiore.

La chirurgia isolata della valvola tricuspide in pazienti con severa disfunzione biventricolare è gravata da un’elevata mortalità e morbilità perioperatoria; in tale contesto stanno emergendo numerose procedure percutanee tra le quali l’impianto transcatetere bicavale TricValve (P & F, Vienna, Austria). In atto, tale opzione terapeutica è utilizzata a scopo compassionevole nei pazienti con insufficienza tricuspidale severa sintomatica, refrattari alla terapia medica e ad elevato rischio cardiochirurgico.

Tale tecnica di impianto si è dimostrata fattibile, sicura ed emodinamicamente efficace con evidenza di immediata riduzione del reflusso in vena cava e miglioramento a breve e medio termine dei segni e sintomi di congestione venosa periferica.